intelligenza artificiale

Un mercato globale pari a 40 miliardi di dollari in grado di generare effetti dirompenti in tutti i settori economici: sono queste le stime che il mercato dell’intelligenza artificiale si aspetta per il 2022.

Un mercato promettente e in continua crescita, già fonte di consistenti investimenti: nel 2014 sono stati investiti circa 300 milioni di dollari in startup operanti nell’ambito dell’intelligenza artificiale, con una crescita del 300% rispetto al 2013.

 

 

Ma che cos’è l’intelligenza artificiale?

 

L’intelligenza artificiale (AI – Artificial Intelligence) è una tecnologia in grado di conferire ai computer la capacità di riprodurre il funzionamento di alcune facoltà della mente umana o dell’intero pensiero umano: con l’AI è quindi possibile costruire macchine in grado di pensare e prendere decisioni come gli esseri umani, grazie ad uno sfruttamento intelligente di una mole significativa di informazioni e dati (Big Data).

Come si può immaginare, le applicazioni dei sistemi di intelligenza artificiale sono innumerevoli e trasversali a tutti i settori: dallo studio dei comportamenti degli utenti nei social website come Facebook, all’ impiego in ambito e-commerce, dalla robotica alle analisi predittive.

In particolare, per quanto riguarda i social network, attraverso l’intelligenza artificiale i computer potranno capire che cosa scrivono gli utenti, cosa vogliono cercare e qual è il loro stato d’animo.

Particolarmente interessanti anche gli effetti dell’AI sull’ e-commerce: attraverso un’analisi delle spese passate, delle modalità di interazione con il sito e del modo con cui l’utente osserva lo schermo, un algoritmo software riuscirà ad identificare il prodotto che l’utente vorrebbe acquistare e ad inviare quindi il design ad una stampante 3D in grado di realizzarlo all’istante.

Grazie ad una combinazione di AI, deep learning (apprendimento approfondito) e natural user interface (interfaccia utente naturale, vedi riconoscimento vocale) sarà possibile automatizzare a breve una serie di lavori che fino a poco tempo fa sembrava impossibile delegare ad una macchina: una rivoluzione già in atto, quindi, che obbligherà tutti i manager ad analizzare gli impatti dell’intelligenza artificiale sulla propria attività, al fine di governare intelligentemente questo rivoluzionario cambiamento, senza rimanerne travolti.

Del resto, anche il settore dell’automazione industriale sarà soggetto a importanti stravolgimenti che renderanno necessario l’investimento continuo in soluzioni tecnologiche sempre nuove: lo sa bene la nostra azienda Ferrazza, da sempre impegnata nella progettazione di sistemi e soluzioni tecnologicamente avanzate per l’automazione e il controllo dei processi industriali.

L’intelligenza artificiale sarà quindi per tutti una grande sfida e, come tale, richiederà impegno e propositività, nell’ ottica di un miglioramento continuo della comunicazione uomo-macchina.

 

Fonte: www.automazioneindustriale.com

 

1 commento

I commenti sono chiusi.